mercoledì 22 dicembre 2010

Vi presento

La mia nuova macchina digitale che dopo parecchio bisticciare ha finalmente dato retta a me e ha sganciato la prima foto fatto da yours truly. diciamo che è il muro della mia cucina, quella attaccata alla sala(che purtroppo non si vede perche è dietro al muro che non volevo fatto perche non avevo altro nel cuore che un enorme openspace che al tempo della costruzione della casa tutti mi hanno vivemente sconsigliata[e yours truly condiscendente ha detto vabbè] per motivi odori frittura[e chi la fai più la frittura?] Comunque sia, il muro è piena di cose della nostra vita: Teglia della nonna che ha i suoi anni e essendo rettangolare ha grandi pregi per pizze, focacce ecc, sui pannelli di legno ci sono gli attrezzi di cucina che ha fatto mio marito[so che non si vedono bene ma cosa volete - la prima volta questo digitale è stata un po traumatica per entrambi e non ho ancora capito come fare a schiarire le imagini]. Poi ci sono una teglia di rame rotondo fatto dal marito, la lavagna di sughero dove metto le cose importante[cartoline dai fiorentini, animali pelouche di un amica che insiste nel darmi conforto infantile ecc], la lavagna agenda fatto di cornice a giorno con tutti i miei scarabocchi, il telefone giallo e vicino a lui ce un adorabile etager di vimini che mio marito ha preso in consegna per tutta la roba che 'serve'[nota che quella parola è sempre con due '' e se siete donne e state leggendo avrete capito] ed è per questo che l'etager è invisibile a occhi nudi. Se l'etager fosse nuda si vedrebbe che è ferro e vimini carinissima. Si intravede anche la stesa della biancheria perche è la stagione del asciugatura davanti alla stufa come ai tempi che furono. Non finiscono mai i tempi che furono. In fatti continuano perche è praticamente un mese che continua piovere. La stufa non si vede perche è verso sinistra da dove ho fotografato ma sicuramente l'avete visto in un precedente post. La luce che pende è appesa alla cappa ed è il mio lumino del mattino che uso quando sonnabolo dentro la cucina in qualsiasi ora di notte o al mattino presto. Mica posso accendere la luminaria intera appena sveglia o quando voglio solo bere un sorso di acqua o quando vago verso la stufa per rifornire legna durante la notte.

E questo miei cari è il primo lavoro con la macchina nuova che devo ancora battezzare...mica posso chiamarlo Ciùgrosso...probabilmente perche so di una barzaletta di uno che vendeva aglio..ma cosa dico, non posso mica raccontare barzellette sconcia qui!

6 commenti:

  1. Wow, Hai già spacchettato i doni di Natale???
    Bene...farai delle foto un po' più grandi, anche!!!
    Come avresti fatto ad avere tutti questi oggetti della memoria, se volevi tenere openspace tra sale e cucina???
    Chiamala Diggi 1, visto che è la prima proprio tua!
    Mi sto riprendendo dalla faticaccia con sabadoni e 11 (eleven) Pani di Natale...
    Poi fotografare...quindi discutere il menu di venerdì sera con il G., non ci troviamo mai d'acordo, mannaggia!!
    Passerà anche questo!
    Bello è essere insieme, e con la gioia e la sorpresa dei bambini, il Babbo Natale che arriva...spero che Teresa quest'anno non si metta a piangere... è davvero un enorme Babbo (il mio vicino!)
    Va be' buona serata a tutta la famiglia...speriamo che smetta di piovere anche qua...perché il G....rompe!!!

    Un abbraccio dalla palude di levante!!!

    RispondiElimina
  2. bello vedere finalmente un pezzo della tua casa, un sentito grazie alla nuova digitale.
    Nemmeno io ho mai capito perchè tutti sembrano avere un sacro terrore degli odori, comunque se decidi di buttare giù 'sto benedetto muro chiamami, arrivo di corsa

    RispondiElimina
  3. Bellissima la storia del tuo muro, che è davvero storia di vita.
    L'idea dell'open space è adorata da Mario, sono io quella che non è d'accordo e non per via degli odori, ma per mancanza di muri dove poi poter poggiare la mobilia :-D Quindi se hai abbastanza muri dove poggiare i mobili, via di open space!
    Complimenti per la nuova macchinetta e per la casa :-*

    RispondiElimina
  4. Oopss, dimenticavo gli auguri!!!!

    RispondiElimina
  5. Veramente di spazio per mobili non me ne faccio molti problemi Fab. Ce soltanto una credenza in sala che potrebbe benissimo stare dalla parte dove ce adesso il divano. Però io di openspace vorrei averla tra la cucina e la camera del computer. Lì ce un enorme muro la lunghezza del bancone della cucina e abbattendo quella potrei avere una cucina ENORME. Però come tutte le cose bisogna mettersi d'accordo con il consorte che non ne vuole sapere. Dede, se potessi levarmi l'armadio della fiorentina e tutti i suoi vestiti e roba dentro quel muro farebbe un volo supersonico. Penso che in tutte le case però ci sono armadi non nostri con roba non nostra che tende a rimanere in eterno riposo...
    Ivana, non ho spacchettato i regali di Natale In fatti, questo regalo della macchina digitale me lo sono fatta da sola..così è arrivata a casa senza carta, senza fronzoli e l'ho messo subito al lavoro. Chissà che Teresa quest'anno non se la prende in ridere il Babbo!?
    Buon Natale a tutti!

    RispondiElimina
  6. bello vedere un angolo di casa tua: molto originale, parla di vita autentica, piena di affetti.

    buone feste, Puddin
    un abbraccio
    eu

    RispondiElimina