sabato 31 marzo 2012

march is gone - marzo partito

31 days of March flew by without leaving a trace of anything if you don't want to count the wonderfully sunny weather and all the tulips, irises, amarillyses and outdoor orchids which are literally exploding all over the garden. Spring sprung in it's glory after a very bitterly cold Siberian adventure which I thought had wiped out all the bulbs. It did a job on the hybiscus on the West Portico. Poor thing sort of looks like a brown branch with brown leaves. The branches are flexible so I almost assume that they just need a good pruning to resprout.That's being very optimistic of course. Big Ben (Benjamin) is having some extra leaf loss but I don't think he's unhappy. Just need to transplant him into the new 60cm vase which I'm picking up on Sunday at the garden center. Of course it is going to be a bitch to get a 2 meter high and 1.5 meter wide Ben out of the 50cm dirt-filled vase. I'm pretty sure a cutter will be used to get the thing open and then I'll just have to drag him over, refill the new vase with good dirt and wrestle him into the new vase which I will then have to retamp after having pulled it into verticle position. It's going to be a spectacular moment for us both....and that finishes March folks

Marzo ha 31 giorni che sembrano volare come i mesi che ne hanno meno. In fatti ogni anno che passa sembra volare con un fogo poco raccomandabile. Non raccomando mai che gli anni volano perche adesso che sono a 63 sembra che il tempo che fugge mi invecchia. Non che non invecchiavo prima è che adesso mi sembra di rendermi conto che gli anni passano. Non che non faccio tantissimo...ma diciamo che mentre faccio tantissimo continuo capire che...lascia perdere...un discorso filosofico a quest'ora della giornata è troppo pesante. Lasciamoli per dopo la mezzanotte - tanto io a quel ora dormo di grosso e non ne faccio piu. E così con Marzo che passa al volo quasi senza farsi sentire perche era un mese soleggiato e caldo a dispetto della stagione Primaverile in atto e a dispetto al fatto che quel caldo ha messo in moto TUTTI i bulbi in giardino. Ce una quantità incredibile di fiori tra tulipani, amarillis, orchidee da esterno, iris ecc. Avevo paura che il freddo Siberiano che era passato da qui durante Gennaio Febbraio avesse fatto KO tutti. Invece ecco che sono pimpanti e colorati. Sul Portico a Ponente invece un paio di quasi vittime del gel ci sono. Gli ibischi sono rami marroni con orribile foglie marrone che pendono. Mi consola che i rami sono flessibile e questo potrebbe essere, al massimo dell'ottimismo, un segno di vita interna. Il Big Ben (Bengiamino) sta perdendo una caterva di foglie pure lui ma con un vaso nuovo da 60cm e terra nuova concimato a dovere dovrebbe andare a posto. Problema è che per spostare un Bengiamino di 2metri di altezza e 1.5 metri di circonferenza ci vuole un piano d'azione non indifferente. Prima cosa domenica vado a prendere il vaso grosso. Poi vado per 3 giorni a Firenze(figli ecc). Poi torno e preparo tutto per Pasqua con parenti, fiorentini ecc. Poi porto fiorentini al treno e quando tutto è di nuovo tranquillo inventerò il modo di farlo. Bengiamino è tranquillo nel vaso solito perche sto già concimando e innaffiando in preparazione del trasloco. Non vorrei che si trova debole prima del fattaccio. Perche fattaccio sarà considerando che devo tagliare il vaso vecchio, tirarlo fuori con terra vecchia ecc...mettere terra nuova nel vaso nuovo e poi infilare il ragazzo pure. Vi diro in seguito come va a finire. Ma per ora è finito Marzo e questo è gia qualcosa!

mercoledì 28 marzo 2012

sloth sanctuary - santuario bradipi

http://www.youtube.com/watch?feature=fvwp&NR=1&v=G-Zfozy7gGI


I've fallen in love with these animals...live slow...they are adorable! At the sanctuary in Costa Rica you can take tours or visit or volonteer!

Guarda che belle bestiole che sono i bradipi...al santuario del bradipo in Costa Rica puoi fare un tour o solo visitare...però accettano anche volontariato!

venerdì 23 marzo 2012

USE-reuse - USO-riuso

http://vivereverde.blogspot.it/2012/03/decorzione-del-bagno-come-fare-un-porta.html

navigating online I found this wonderful website which has all kinds of interesting econews. Seems reasonable to me that the website is in Italian. Sorry guys....won't be translating each post I share but this one is so simple. Check out the photo of this wonderful bathroom shelf, towel rack made from an old wooden chair....

Guarda guarda cosa ho scovato nel web! Una meraviglia di decorazione per il bagno fatto da una sedia di legno vecchio...ho proprio quello che ci vuole per farne almeno due! Vado in garage per vedere se sono ancora disponibile!

martedì 20 marzo 2012

risotto in a blanket - risotto in trapunta


Risotto in crepes...or if you prefer, risotto in a blanket. It happened that I had lots of risotto with saffron and porcini. So what to do? I put this together. Made crepes with 75 grams of philly, 1 large egg, 3 tablesppons of parmeggiano, salt and pepper, a few tablespoons of cream all whisked together then added 3 tablespoons of rice flour and blended well until I got a smooth crepe-like batter which I then cooked in a little frypan(note last picture - which should have been the first). Put a crepe in the bottom of a buttered oven-proof ceramic bowl(picture directly underneath) and then added the rice which I had reheated well. Put another crepe on top and tucked it in around the rice...voilà. Let it sit until time to eat and then I nuked the bowls...scalding hot and OH SO GOOD!

Risotto milanese con porcini in abbondanza altro giorno era rimasto in frigo languendo infelicemente perche non sapevo proprio come levarlo di mezzo. Poi mi era venuto il lampo...farei dei crepes nella quale avvolgere il risotto...crepes in un trapunto? Comunque ho fatto così: sbattuto insieme 75 grammi di philadelphia(va anche bene ESpin), 1 uovo grande, 3 cucchiai di parmeggiano, 3 cucchiai di panna fresca, sale e pepe...poi con aggiunto di 3 cucchiai di farina riso e un mescolare bene è diventato crema per crepes che ho fatto in un tegamino(nota sotto - anche se foto tegamino doveva essere il primo). Fatto questo ho messo in un pirofolino da forno imburrato un crepe poi riempito di risotto ben riscaldato poi sopra un altro crepe che ho rimboccato intorno al risotto...aspettato tranquillamente ora di cena, infilato nel MOnde e fatto scaldare bene. Una delizia mi hanno detto i commensali....

domenica 11 marzo 2012

WEST PORTICO - Portico a Ponente

https://www.google.it/search?q=fotos+imperia&hl=it&site=webhp&prmd=imvns&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=BJFcT8GGIZL74QTNtcigDw&ved=0CCkQsAQ&biw=853&bih=544


Recently a blogger friend had some difficulty finding my hometown. She was looking for WEST PORTICO in the boot-shaped peninsula and she said that she really couldn't find it. I told her that I had a giggle at her expense and then felt sort of bad so I decided to tell her the city name...then I decided to find pictures and put them here so that you all can see that I don't live in West Portico on a Portico....but HERE....or rather ABOVE:

Una mia amica blogger recentemente ha avuto delle difficoltà nel trovare casa mia. Ossia la città dove vivo. Cercava PORTICO A PONENTE. Vabbè, dopo una sghignazzata ho detto che la città non è PORTICO A PONENTE ma...quella nel link sopra e poi deciso di rimediare qualche foto per provare che non abito nel PORTICO A PONENTE ne su un PORTICO...tanto per capire la geografia dello Stivale...

venerdì 9 marzo 2012

8 March 8 Marzo


COMET KING ATKASUKI:

In Italy the mimosa with its beautiful allergy causing flowers is the top of the line gift for women on Woman's Day...sneezing apart it is a lvoely fluffy yellow puff ball of a flower...but it cannot compete with my husband's gift....this magnificent ORCHID!

La mimosa quest'anno durante Siberia a ponente ha avuto grossi problemi di geloni. Probabilmente perche era fiorita a Gennaio. Siberia arrivata durante Febbraio e voilà.BRRRRRR! E così a parte il fatto che sono allergica al odore della mimosa. E da buon intenditore il mio metà sa che adoro e colleziono orchideeeeeee......guarda cosa ha portato a casa ieri!

lunedì 5 marzo 2012

lady fingers - lingue di gatto

.

In the boot shaped peninsula these wonderful sweets are called cat's tongues...of course they are supposed to be shaped like little feline tongues but I'm never one to stick with formalities. This recipe was happily plagerised fromt the back of a rice flour bag. The principle ingredient of the recipe is rice flour. Discovered this wonderful flour during lunches and cooking class with a friend who has coeliac disease -for those of you who aren't familiar with it...glutine intollerance is another name :
the sweets are wonderfully sponge cakey and when filled with raspberry jam they are just the cat's meow! PS: the bits and pieces are obviously the baker's taste...

LADY FINGERS

100 grams rice flour
100 grams soft butter
100 grams (use less cus this amount makes them really sweet)
4 egg whites beaten stiff
1 teaspoon vanilla extract....

beat butter till fluffy and add all the ingredients except the whites...when the butter mixture is smooth and creamy fold in the whites until well incorporated. DO NOT mix, FOLD in otherwise the mixture loses its air pockets and will become a brick....put the mixture into a pastry bag and squirt it onto a cookie sheet which you have previously lined with parchment paper. Bake until golden at 350°...cool on rack. Use the parchment to pull whole thing out of pan so that it cools on rack without forming humidity underneath. Once barely tepid cut exactly in half and place one half on a clean cutting board. Spread your favorite jam on the half which is on the board and cover with the other half.Using a serated knife cut into squares and place on serving tray. Use a fine mesh sieve to sprinkle powdered sugar (4X) on the cut squares. If you really want to make lady fingers just use the pastry bag to make lots of fingers on the parchment covered baking sheet. Attention baking time....fingers burn quicker than squares....brilliant statement!






Negli Stati Uniti lingue di gatto sono chiamate dite di donne..gioca quelle nel lotto...Non stando mai alle forme originale di ricette ho deciso di fare questa ricetta in modo un po più cialtrona, per rubare una parola che adoro da un amica o due che la usano. Farina di riso, un conoscente da non tanti anni, fa parte maggiore nella ricetta. In fatti la ricetta viene direttamente dal sacco della farina...una nostra amica celiaca ha fatto una lezione di cucina no glutine nella quale ho imparato parecchie cose sia sulla malattia che sulle farine permesse e non. Un link caso mai volete saperne di più.

comunque le tortine erano molto buone. Gusto tipo pan di spagna leggera con un bel strato rossissimo di confettura lamponi con tanti semini...

LINGUE DI GATTO:

100 grammi di farina di riso
100 grammi di burro morbido
100 grammi di zucchero a velo(direi di usare meno perche questa quantità rende molto dolce)
1 cucchiaino estratto vaniglia
4 albumi sbattuti a neve

mescolare a crema voluminosa burro e poi aggiungere tutti gli ingredienti escluso gli albumi. Finito di amalgamare ingredienti mettere dentro gli albumi con molto attenzione a non sgonfiarli. Una volta finito impasto prendete una teglia da forno e foderare con carta da forno. Prendere un sacco a poche e mettere dentro impasto che va messo a strisce una attaccata al altra affinche la teglia è riempita da parte a parte. Infornare a 180° affinche golden. A questo punto togliete la teglia e usando la carta forno a mo di maniglie mettete la torta su una graticola dove la farete raffreddare affinche tiepida. Tagliare a metà e mettete questa su un tagliere pulito. Spalmare sopra confettura a piacere...mettete l'altra metà, schiacciare delicatamente che si incolla bene sulla confettura la parte sopra. Poi tagliare a strisce o quadretti a piacere. Mettete questi su un vasoio o piatto di portata e spolverare con zucchero a velo...i pezzetti nella foto di sopra erano la prova del assaggio per la pasticciera MOI