lunedì 5 marzo 2012

lady fingers - lingue di gatto

.

In the boot shaped peninsula these wonderful sweets are called cat's tongues...of course they are supposed to be shaped like little feline tongues but I'm never one to stick with formalities. This recipe was happily plagerised fromt the back of a rice flour bag. The principle ingredient of the recipe is rice flour. Discovered this wonderful flour during lunches and cooking class with a friend who has coeliac disease -for those of you who aren't familiar with it...glutine intollerance is another name :
the sweets are wonderfully sponge cakey and when filled with raspberry jam they are just the cat's meow! PS: the bits and pieces are obviously the baker's taste...

LADY FINGERS

100 grams rice flour
100 grams soft butter
100 grams (use less cus this amount makes them really sweet)
4 egg whites beaten stiff
1 teaspoon vanilla extract....

beat butter till fluffy and add all the ingredients except the whites...when the butter mixture is smooth and creamy fold in the whites until well incorporated. DO NOT mix, FOLD in otherwise the mixture loses its air pockets and will become a brick....put the mixture into a pastry bag and squirt it onto a cookie sheet which you have previously lined with parchment paper. Bake until golden at 350°...cool on rack. Use the parchment to pull whole thing out of pan so that it cools on rack without forming humidity underneath. Once barely tepid cut exactly in half and place one half on a clean cutting board. Spread your favorite jam on the half which is on the board and cover with the other half.Using a serated knife cut into squares and place on serving tray. Use a fine mesh sieve to sprinkle powdered sugar (4X) on the cut squares. If you really want to make lady fingers just use the pastry bag to make lots of fingers on the parchment covered baking sheet. Attention baking time....fingers burn quicker than squares....brilliant statement!






Negli Stati Uniti lingue di gatto sono chiamate dite di donne..gioca quelle nel lotto...Non stando mai alle forme originale di ricette ho deciso di fare questa ricetta in modo un po più cialtrona, per rubare una parola che adoro da un amica o due che la usano. Farina di riso, un conoscente da non tanti anni, fa parte maggiore nella ricetta. In fatti la ricetta viene direttamente dal sacco della farina...una nostra amica celiaca ha fatto una lezione di cucina no glutine nella quale ho imparato parecchie cose sia sulla malattia che sulle farine permesse e non. Un link caso mai volete saperne di più.

comunque le tortine erano molto buone. Gusto tipo pan di spagna leggera con un bel strato rossissimo di confettura lamponi con tanti semini...

LINGUE DI GATTO:

100 grammi di farina di riso
100 grammi di burro morbido
100 grammi di zucchero a velo(direi di usare meno perche questa quantità rende molto dolce)
1 cucchiaino estratto vaniglia
4 albumi sbattuti a neve

mescolare a crema voluminosa burro e poi aggiungere tutti gli ingredienti escluso gli albumi. Finito di amalgamare ingredienti mettere dentro gli albumi con molto attenzione a non sgonfiarli. Una volta finito impasto prendete una teglia da forno e foderare con carta da forno. Prendere un sacco a poche e mettere dentro impasto che va messo a strisce una attaccata al altra affinche la teglia è riempita da parte a parte. Infornare a 180° affinche golden. A questo punto togliete la teglia e usando la carta forno a mo di maniglie mettete la torta su una graticola dove la farete raffreddare affinche tiepida. Tagliare a metà e mettete questa su un tagliere pulito. Spalmare sopra confettura a piacere...mettete l'altra metà, schiacciare delicatamente che si incolla bene sulla confettura la parte sopra. Poi tagliare a strisce o quadretti a piacere. Mettete questi su un vasoio o piatto di portata e spolverare con zucchero a velo...i pezzetti nella foto di sopra erano la prova del assaggio per la pasticciera MOI

2 commenti:

  1. Paula, ma davvero semplice...pensare che mia cognata, celiaca, a volte mi regala la farina di riso che a lei avanza e io la mettevo nelle creme!
    Penso che siano davvero deliziose le tue lingue di gatto, che non sono lingue di gatto...e penso anch'io di diminuire lo zucchero, come faccio sempre!

    Un abbraccio dal Levante che ha fatto un voltafaccia, dalla primavera che sembrava arrivata, nel pomeriggiovento e pioggia, ed è anche freddo!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. e a Torina nevica!Qui brutto tempo ma pioggia che non bagna per il vento che la fa volare via...abbracci da ponente P

    RispondiElimina