martedì 31 dicembre 2013

a wish from a friend which is perfect for 2014!



WHEN LIFE IS SWEET - BE THANKFUL AND GROW
WHEN LIFE IS BITTER - BE THANKFUL AND GROW










UN AMICA MI HA MANDATO QUESTO AUGURIO PER IL 2014 - NON TROVO DI MEGLIO

Quando la vita è dolce, ringrazia e festeggia.
E, quando la vita è amara, ringrazia e cresci.

Shauna Niequist

sabato 28 dicembre 2013

FLORENCE BIRRERIA CENTRALE FIRENZE BIRRERIA CENTRALE





http://www.birreriacentrale.com/


Ok...so when you think about Florence you think Tuscany under the sun, pappardelle and wild boar, crostoni with pate, stretch out to huge florentine steaks and why not even wonderful pizzas...but who would ever think to go to the Birreria Centrale to have a fantastic moderately priced lunch served in marvelous porcellain plates and huge edged deep bowled bowls? Yeah, it was fantastic! I had the most wonderful zucchini souffle with saffron sauce. We also had gnocchi with gorgonzola and pear sauce ... delicate creamy and just a touch sweet from the pear...then a wonderful portion of baked eqqplant with scamorza and a very rich tomatoe sauce...two big cups of very strong coffee and off we went...happy full and oh so pleased...I recommend that  you try it!

Vabbè a Firenze si parla del sole sopra la Toscana, pappardelle con cinghiale, crostoni con fegatini, carne Chianina e perche no anche pizze buone...ma mai avrei pensato di mangiare alla Birreria centrale e avere un fantastico pranzo moderatemente costoso servito in meravigliosi piatti di porcellana e fondi profondi con bordi che li facevano sembrare sombreri. Però, era fantastico. Ho magianto un souffle di zucchini con salsa di zafferano. Abbiamo anche preso gnocchi con gorgonzola e pere...una salsa delicatemente crremosa con un tocco appena di dolce dalla pera. Poi una porzione di melanzane al forno con scamorza e una salsa di pomodoro ricchissima di sapore...due tazze di caffe forte e via...felici pieni e...lo raccomando vivemente!

giovedì 26 dicembre 2013

FROM THE WEST PORTICO DAL PORTICO A PONENTE

Pretty much this for the last week...and around the drops and in between the wet our world from the West Portico not only got soaked but is now emerald green...what olives were not firmly anchored on their stems are now feeding the ground and making the road to the house slippery from pate and oil. One of the joys of living in the country...you either have snow ice rain...or as in the Western Part of Liguria - pate and oil. Someone out there want to develop olive tires!?

Dal Portico a Ponente questa settimana abbiamo un bel po di quella nella foto. Intorno alle gocce e tra il bagnato e inzuppato il nostro mondo del Portico a Ponente non solo è diventato logoro di acqua ma l'esterno in campagna ormai è color smeraldo...quelle olive che non erano ancorati bene al loro posto sul ramo adesso stanno dando da mangiare al terrend sottostante e quelli che sono piombati in strada rendono la vita un avventura nelle salite e le discese verso fondo in città e verso casa in cima collina. Ovviamente per chi non lo sa e ha solo da fare con neve ghiaccio e pioggi noi in Liguria di Ponente nelle campagne delle olive abbiamo strade lastricate in pate di olive e olio spremuto dalle macchine mentre passano. Qualcuno la fuori vuol per farvore inventare una gomma da oliva?

lunedì 23 dicembre 2013

THE TRANSFORMATIONAL BAKER

Fig cookies   nut crust    FINISHED     TOPSIDE AND  PROFILE
Cookies Fico   Crosta mandorle nocciole    FINITI     SOPRA  E  PROFILO

DELICIOUS          SQUISITI




THE TRANSFORMATIONAL BAKER

Page 162  Southern Italian Sweets....liberally transformed into Fig Cookies...the cherry jam was finished. The fig jam was too sweet. There was no other red jam to use but we has dried figs! So following Rosetta Constatino's instructions (and using some filbert bits because logically when you shop in a hurry you NEVER get exactly what you grab and in this case I was grabbing three bags of almond bits and ended up with two infiltrated filbert bit bags) oh well, in any case the transformation was perfect...the dough is superb even raw and so after having put the fig bits onto the dough I did this
and tucked in the edges making it a bit more rectangular for easier cutting forming then these
which are now happily in the oven baking to become    FIG NEWTON NUT CRUST COOKIES....
ROSETTA your book is now the BIBLE of my baking moments...THANKS

Dovete seguire con un po di pazienza le foto sopra...facendo la spesa di corsa e volendo fare i biscotti a pagina 162 del libro di Rosetta Costantino Southern Italian Sweets ho scoperto che avevo tirato su 2 buste di pezzetti di nocciole invece che 3 bustine di mandorle in pezzetti. Poco male dico io perche potevo usare un po di nocciole per farne metà dose....ma poi a casa ho scoperto che mancava pure la confettura di ciliege(si chiamano Biscotti di Ceglie - ciliege appunto) e voilà si mette in moto la trasformazioni in Cookies di Fichi Secchi con impasto come da ricetta(se non guardi tanto per sottile l'infiltrato quantità di nocciole). Comunque in foto due ho chiuso la pasta sopra i fichi secchi e ho pressato affinche non era più rettangolare - certamente più facile per tagliare quelli che erano usciti poi nella foto 3 che sono felicemente infornati aspettando l'assaggio finale e la FOTO finish ..... ossia finita...PS: sono buonissimi anche crudi ma questo è un vizio che non ho mai visto fatto in case Italiane...e Rosetta Costantino il tuo libro è ora la Bibbia che userò quando mi viene in mente di infornare! GRAZIE

venerdì 20 dicembre 2013

THE TRANSFORMATIONAL BAKER


Your attention should be drawn to the bright sprinkles on the Little Cinnamon Cookies from the previous post since they are now decorated(the ones on the top) after having been dipped in dark 75% chocolate. The bottom foto is a hybrid Little Cinnamon Cookie which paired together to make very unusual little cinnamon cookie baci (kisses) with very deep dark chocolate FUDGE to hold them together...The transformational baker is getting back into it! after all XMAS is in 4 days!

La vostra attenzione dovrebbe essere portato verso una vista completa dei colorati zuccherini che decorano i Pezzetti di Cannella del post precedente. Ora che sono decorati con i colori dopo essere stati pucciati in cioccolato 75% quelli di sopra sembrano piu Natalizi...i Pezzetti di Cannella sotto si sono accoppiati per fare dei BACI di cannella (KISSES) con un scurissimo FUDGE al cioccolato che li tiene insieme...The Transformational Baker sta mettendosi in moto...dopotutto Natale è tra 4 giorni!

giovedì 19 dicembre 2013

The Transformational Baker

When this wonderful book arrived home I couldn't wait another moment to start baking but there first we had to finish the olive harvest. The harvest still isn't finished but M.Nature did me a huge favor and sent us a rainstorm which sort of put a stop to the olive frenzy so that I could get my hands into some cookie dough and make some Pezzetti di Cannella (Little Cinnamon cookies). As you can see my transformational baker blood sort of took over and once the dough was ready to be made into tiny pieces they sort of became, from left to right...cinnamon twists, cinnamon sticks, cinnamon stars, cinnamon bears, cinnamon double rounds to fill and if you look really closely a cinnamon elephant in the right hand corner on top...he just sort of begged to finish the last drop of dough. Rosetta the photo isn't nearly as wonderful as the ones in the book. But I made the cookies with the same recipe, the same loving care and folks ... I must tell you...this dough put XMAS into the house because the perfume of the cinnamon escaping from the kitchen went everywhere! Didn't write the recipe here but it is in the book along with many other wonderfully Southern Italian Desserts!

Quando è arrivato questo meravigilioso libro di dolci non potevo proprio aspettare un attimo per iniziare però c'era da finire la raccolta delle olive. La raccolta non è mica finita ma Madre Natura mi ha fatto un favore e ci ha mandata una bella pioggia che ha fermato la frenezia raccolta e mi ha permesso di mettere le mani in pasta di biscotti per fare un po di Pezzetti di Cannella...come you vedere il mio sangue di transformazione biscotti ha preso la mano e una volta che impasto era pronta invece di piccoli pezzetti di cannella sono usciti, da sinistra a destra...trecce di cannella, bastoncini di cannella, stelle di cannella, orsi di cannella, doppio rondi di cannella da riempire e se guardate vicino vicino in alto a destra ce anche un elefante di cannella che ha dovuto pregarmi di essere inserito nel ultimo pezzetto di impasto...Rosetta la foto non sono professionale ne bella come quelle nel tuo libro. Però i biscotti sono fatti con la stessa ricetta, lo stesso amorevole cura e GENTE ve lo dico di tutto cuore...questo impasto ha portato Natale in casa...un profumo di cannella è scappato dalla cucina e ha invaso la casa....non metto la ricetta però trovi nel libro tantissime belle ricette di Southern Italian Desserts!

martedì 17 dicembre 2013

TOOLS OF THE TRADE GLI ATTREZZI DEL MESTIERE

When someone asks me what we use to harvest our olives very often I just hold up these two creatures. Onceuponatime they were, well, beautiful young 'clean' smooth wrinklefree and straight limbed. Yah know something though...these tools of the trade have a certain personality which those wonderfully everything above young creatures never had.....



Quando qualcuno mi chiede cosa usiamo per raccogliere le nostre olive molte volte mostro queste due creature. Onceuponatime erano, beh, bellissimi giovani 'puliti' lisci senza una ruga e con dita dritte. Vabbè sapete cosa vi dico però....questi attrezzi del mestiere hanno una certa personalità che quei bellissimi giovani creature non avevano mai...

lunedì 16 dicembre 2013

FUDGE FINISH C'EST FINIS il FUDGE


The end of the FUDGE story ... the fudge patties got chocolate bottoms and little chocolate caps which hid the three fork prong marks which kept my hands out of the chocolate and therefore my fingers out of my mouth to lick off the extra. One of the wonderful things about being an adult is that you don't have to ask anyone CAN I -  the only problem is that when you are an adult if you say YES to often it would actually be better just to layer the chocolate on your hips instead of putting it into your mouth cus that's where it would end up anyhow. so I have invented ways of NOT putting my fingers into chocolate or other wonderful dipping things whilst then having to put little caps on everything to hide the fork pricks. Well, you can't have everything! So the patties got their treatment. then the White chocolate coconut fudge cum mounds with a twist becamein the background two dipped bits one on each end but having found that with the fork it DOES NOT work I figured it was better to do it the other way - the long way and I created these 'mound towers' YUP with little chocolate caps to cover the cutside of the tower...nothing like a nice neat creation right...not that I am what you would call neat...but it tastes good! FUDGE FINISH? nope now I gotta make the real normal dark chocolate fudge...same recipe but only dark chocolate and walnuts - for the purists in the gift group!  

E così la storia del FUDGE è finito...quelli piatti hanno avuto una puccia nel cioccolato e piccoli capelli di cioccolato che nascondono i bucchi della forchetta che ho usato per pucciare così di non dovermi poi soffrire le pene del inferno perche non puoi mica lavarti le mani quando hanno cioccolato sopra...e succhiare le dita è favoloso quando sei grande perche non devi chiedere permesso a nessuno solo che succhiando tanto cioccolato mica è tanta furba per motivi che sappiamo - tanto vale spalmarlo sui fianchi e cosce per non disturbare sistema digestiva. Tanto va subito in quella direzione. Vabbè non puoi avere tutto e i capelli di cioccolato nascondono benissimo i buchi della forchetta e le goccette colorate sono perfette e fanno Natale. Così dicevo queii piatti erano apposto e dovevo solo sistemare quelli di FUDGE al cioccolato bianco e cocco che stranamente sembrano come gusto un tipo di mounds ma meglio...così ho fatto 'torri di mounds' con il fondo pucciato e la parte sopra un capello di cioccolato per coprire il taglio dal serpente lungo. E c'est finis dicono i francesi...mica tanto perche ho ancora da fare il FUDGE normale - stessa ricetta solo cioccolato scuro e noci per i regali alle persone che fanno puristi - amano il loro fudge con ricetta originale...

FUDGE EVOLUTION EVOLUZIONE DI FUDGE


Baker's patience. Something I had learned when I was a child - my Nahmoe(maternal Grandma) used to sit with me and we'd make milions, ok so not milions but when you are small...of rum balls, filbert fingers and various other stuff...which would take days and months and years, of so maybe not THAT long but when you are small...it sort of works up to learning how to patiently sit or stand whilst making balls or fingers or crescents etc for the holidays. Now that I have learned that patience it is funny how I sort of run out about the third batch of FUDGE ... so the evolution of FUDGE is pratically from balls to patties to long tubes...so that my patience working alone and still having to make two more very chocolatey batches doesn't wear down and disappear...so if you're really interested...go for the surgical gloves on your hands and automatically make lots of FUDGE snakes which you then let cool, cut and roll in your favorite covering...in this case I've made some coconut tropical white chocolate fudge...the recipe is so simple it is ridiculous...

1 can sweet condensed milk
3 cups chocolate bits (here used white chocolate)
1 big pinch salt
1 tsp vanilla extract
1 cup of dried tropical fruit cut into tiny itsy bitsy bits
1 cup of   coconut flakes

melt chocolate in microwave then add the condensed milk and the salt and extract....mix well with gloved hands...now the trick is to be able to find someone to put in the rest - coconut and bits of fruit...being alone I sort of just grabbed the two little cups and dumped them in and continued mixing and kneading till smooth...that's it folks ... then all you have to do is roll them into lots of snakes which you let cool, cut and then roll in your favorite covering...in this case it will be cinnamon cocoa or maybe just coconut flakes, hoping that the coconut will stick to the FUDGE cus as everyone knows FUDGE when cold get stiff and if that happens just invent something cus I still haven't reached that point and will have topost the results ASAP...note that the snakes if they appeared above are now even below..


La pazienza del fornaio...o quella cosa di pazienza ZEN che mi ha insegnata la mia nonna materna Nahmoe...sentirete parlare molto di lei perche ho imparato l'arte di dolci da lei...e la pazienza impossibile per una bambina di farne milioni di rum balls o dita di nocciole o...mica tante così ma quando si è piccoli...che poi ci volevano giorni settimane mesi da fare...vabbè quando si è piccoli il tempo non passa mai...così con la pazienza insegnatemi da lei e il fatto che da soli si lavora bene e non ricordando esattemente quanto tempo ci vuole davvero per farne 6 impasti di FUDGE...mi ero imbarcata prima con cose che sembravano pietre e poi cose che sembravano palline e poi posso dirlo CRIBBIO...la pazienza mi cominciava scappare e ho fatto i serpenti di FUDGE che alla fine vanno solo tagliati e poi ricoperti di quello che si vuole...in questo caso probabilmente cocco essicato o cacao e cannella...ma la ricetta è veramente una stupidaggine per questo FUDGE di chocolato bianco tropicale con cocco e frutti essicati tropicale (ecco il nome e il perche di tale)

1 lattina latte dolce condensato
3 tazze cioccolato  questa volta bianca ma qualunque gusto va bene
1 cucchiaino estratto vaniglia
1 pizzico 3 dita di sale fino
1 tazza frutta essicata tropicale in pezzettini ini ini
1 tazza cocco essicato

fondere cioccolato nel micro-onde (bella invenzione anche per chi non piace usarlo)..nella quale metterete latte condensato (mi raccomando usare le mani che avete precedentemente coperte con guanti chirurgici) e impastare bene mettendo poi estratto e pizzico sale fino...impastare affinche lissssia e poi se riuscite trovare qualche buon anima che ti aiuta farli mettere dentro cocco e frutta se non fate come me e sporcate le tazze con fudge ma buttate dentro tutto impastando bene con le mani...quando è lissssssia dovete poi fare tanti serpenti che metterete sul carta forno su una placca da forno e su un vasoio...raffredate benissimo, tagliate a pezzetti e rotolate in copertura a piacere...come detto in questo caso probabilmente cacao e cannella o cocco essicato (che spero si attacca perche una volta che sono asciutti i pezzi di FUDGE diventano piuttosto dure). Caso mai inventate qualcosa perche fino a questo punto non sono arrivata  - aspettate prossima puntata sul questo canale.

domenica 15 dicembre 2013

PURPLE CABBAGE CAVOLO VIOLA



The purple's have it this WINTER...fuscia purplish flowers which seemed to have decided to bloom now instead of in the Spring. Hub told me that they were Winter bloomers since they were a XMAS gift from 2011...hey, I had no idea who they were since they had risen green and happy in a big bowl-like vase but hadn't bllomed since when they were open in 2011. SURPRISE...and then there is the purple cabbage story. Yes, that gorgeous purple cauliflower was supposed to be a gorgeous purple cabbage. The bag specifically said PURPLE CABBAGE SEEDS...so figure it out. The best part is that after cooking them they REMAINED purple. Now that is what I call stupendiperous!   Even the water is borscht color. Dinner tonight is dressed in purple...not bad.

Color viola è INVERNO quest'anno...fiori viole fuscia (tipo) che sembrano essere fioriti di soppiato adesso invece che in Primavera. Marito ha detto che erano parte di un regalo da 2011. Chi si ricordava che erano fioriti a Natale quel'anno e poi spariti dalla circolazione subito dopo per riapparire ora dopo essere stati felicemente VERDE in fondose in una ciotola vaso di plastica da quella data lontana. SORPRESA....e poi ce la storia del cavolo viola. Sì, quel bellissimo cavolfiore violacceo doveva essere un bellissimo cavolo violacceo. La bustina semi leggeva SEMI DI CAVOLO VIOLA...va capire. La parte migliore però è che dopo cottura è RIMASTO violacceo. Questo sì è stupendiffero! Anche l'acqua color barbabietola. Cena stasera vestito di viola...non male.

giovedì 5 dicembre 2013

GREEN PIE TORTA VERDE

After having written my post about pies and my rather conflictual relationship with them I found myself in an interesting situation since I had found a lovely bunch of wild chard whilst climbing uphill after having finished my part of the olive work at the bottom of our property. So what to do with wild chard? Obvious if you live in Liguria, which I do...GREEN PIE    or as it is called here TORTA VERDE...you are probably asking why this pie has no crust. You are probably thinking 'hey, this looks like a spinach omelette'  and you are SO right. After having worked all day up and downhill, around olive trees, in olive piles taking out little twigs, putting kilos and kilos of olives into the red plastic containers, moving the nets and rolling them up and moving them again and putting in the big yellow plastic pins so they won't explode all over...that is a whole other post which I really must remember to write...in any case this is a GREEN PIE no crust cousin to a spinach omelette only with wild chard...simple to make too:


huge bunch of wild chard (or store bought chard) cut into big chunks
1 large spanish or italian or american or whatever nationality onion in tiny chunks...put both in a very large frying pan in which you have put at least 4 tablespoons of olive oil...and about 1/4 cup water...cover and cook until perfectly wilted

Pour the extra liquid into a large bowl, add 1 tablespoon of raw white rice...and then put the chard onion mix onto a cutting board. With a mezza luna (ligurian rocking knife) or just a good dicing knife chop up the chard onion mix till small bits...put into the large bowl with the rice and liquid. Add an open handful of grated parmaesan (about 1/2 cup), salt, pepper and 4 beaten eggs....or if you are cholesterol NO people  put in 2 whole eggs and 2 whites...mix all really well. This mixture then goes into a cake tin which you have lined with parchment which you have oiled with olive oil...into the oven at 350° till done...and if you don't have my little mother's helper gas stove you will also have a very golden GREEN PIE cum omelette...my oven refuses to golden things unless I put them under the grill...guess what? no grill today folks. I'm pooped.  Cool and transfer to plate serve and yum


La TORTA VERDE come sapete tutti è un pie ligure che solitamente ha una crosta. La mia esperienza in PIE è sempre stato conflittuale e per questo motivo quando sto tutto il giorno in campagna non è che me ne sto lì a bisticciare con soflia frolla e quant'altro...perciò avendo idea di TORTA VERDE perche nella salita dalla campagna mi ero imbattuta in una pianta enorme bellissima di bietole selvatiche che crescono felicemente da noi tutto l'anno. E questa pianta è salita con me nel secchio che solitamente si usa per mettere le olive nelle ceste. Così arrivando in casa i problemi esistenziali culinari hanno iniziati con ... crosta no crosta sì e ovviamente ha vinto la no. Avendo tutti gli ingredienti altri per la TORTA VERDE ho fatto questo:

mazzo enorme di bietole o selvatiche o comprate tagliate a pezzettoni
1 cipolla nostrana americana spagnola o quant'altro basta che sia cipolla grossa...a cubetti - entrambi poi messi in una padella enorme nella quale mettete almeno 4 cucchiai di olio oliva e 1/4 tazza di acqua...far afflosciare le bietole su fuoco vivace. Una volta  afflosciate bietole toglie dal fuoco e mettete il liquido fattosi sotto le bietole in una ciotola grande...dentro il liquido mettete 1 cucchiaio di riso bianco crudo...sopra questo mettete poi le bietole che avete tagliuzzate piccini con mezzaluna o altro tipo di coltello. In questo dovete mettere una bella manciata aperta di parmigiano grattugiato, sale, pepe appena macinato e 4 uova sbattute (se siete dei NO colesterolo - potete usare 2 uova intere e 2 albumi)...il tutto poi va messo in una teglia da forno precedentemente foderato di carta forno che avete oliato con olio oliva...infornare a 180° affinche golden....cosa che nel mio piccolo forno a gas non succede se non uso il grill...e oggi per motivi di pigrizia e mancanza di energia stanchezza e vario...ce la pappiamo lo stesso...togliere dal forno, raffreddare un po, mettere sul piatto di portata e gnum...

domenica 1 dicembre 2013

APPLE CHERRY JAM PIE PIE DI MELE E CONFETTURA CILIEGE


This is real apple cherry jam pie with just a hint of cinnamon powder and about 1/4 cup of dark brown sugar. The recipe is really simple cus all you have to do is have a jar of lonely cherry jam sitting in the dispensa. Not that the jam is lonely but that it is an only child of a widowed mother which really doesn't mean much these days but can be a problem if you have to decide whether to keep it for breakfast or use it for something else. This pie sort of just happened when I went down to the dispensa, saw the jar winking at me and remembering the fuji apples which were languishing in the cantina...sort of a pie happening which in our house is quite THE thing since I am not a pie making person. I don't do pies so this is really a first! Anyhow I brought up the 500 gram jar of cherry jam, got 8 fuji apples which I then peeled and sliced pie style...put them into a big bowl and then added some jam...then some more...and then oh heck...just dumped in the whole jarful. At this point 1/4 cup dark brown sugar (my jams are very NOT sweet) and about 1 tbsp of cinnamon powder...mixed it up with a huge spoon and then took out the pie dough from the fridge. Bet you thought I would even make the dough. NO! I am not a pie dough maker. I love to use fillo which is not available here. I DO NOT make pie crusts...maybe because I don't make pies...but then if this is a pie happening and it all sort of fell together what could be better than the photo above - that wonderful lego like construction of a pie which has holes cus I didn't have enough dough...leaked out cus I put in too much stuffing...but literally made me want to have a window sill to put it on to cool. The perfume was intense...the crust was perfect (thank you LIDL for your rettangular dough) and it was tough not to tast it beforehand! Guests loved it...and that was THE pie for this year!

Ogni anno faccio una quantità interessante di confetture che logicamente vanno dove vanno le confetture che faccio e rimangono figli di madre vedove e causano problemi esistenziali non indifferente. Colazione, cheesecake (torta formaggio americano) o quant'altro per utilizzare quel unico vaso da 500 grammi che in questo caso era di ciliege. Ero giù in dispensa rovistando e questo mi tira un urlo dicendomi 'ma ti dicedi?' e detto fatto è successo che mi ricordai che in cantina c'erano pure le mele fuji languendo in un plateaux...in frigo pure 2 pacchi di sfoglia LIDL (mica che faccio impasto per PIE - mai fatto un pie in vita mia veramente - io sono da crumble veramente) e marciai su in cucina con tutto. Tagliai le mele per pie (fettine sottilissime) messi in un enorme ciotola con un po di confettura poi un altra po di confettura e poi, dopo deliberazione interminabile buttai dentro tutto contennuto facendo sì che il pie sembrava sanguinante...e sopra questo misi 1/4 tazza moscovado e 1 cucchiaio raso di cannella in polvere mesolando tutto con un enorme cucchiaio...nota che avendo tolto la crosta dal frigo e cominciato armeggiare con pie pan (teglia da pie) ho notato che non c'era abbastanza impasto per tutto così sono rimasti dei bucchi che le persone da pie devono fare con attrezzi vari ma una persona da crumble le fa perche non riesce tirare la pasta in lungo e in largo per coprire tutto...finendolo in breve il PIE succese...e ebbi un grande successo...profumando tutta la cucina, collando ripieno sulla placca da forno che intelligentemente avevo messo sotto ma solo dopo aver avuto un piccolo lago di zucchero bruciato sul fondo forno...e gli ospiti erano felicissimi...toh

THANKSGIVING 2013 RINGRAZIAMENTO 2013

This year Thanksgiving was a dinner feast. 6 people, bagna cauda (note the fujot to keep it warm) and lots of wonderful fresh veggies, turkey thighs (2 kg folks) and polenta stuffing with lots of diced veggies which I sauteed in butter and olive oil (no photo ooopppsss), tangerines (no foto necessary right?), apple cherry jam pie (separate post cus I really photographed this first attempt at PIE)....and coffee and lots of chat laughs and being really thankful for a lot of things!

Quest'anno Ringraziamento era una cena festosa. 6 persone, bagna cauda (nota fujot per tenerla calda) e tante verdure freschissime, 2 cosce (2 kg di bestia) e ripieno di polenta con tantissime verdurine da soffritto dentro poi messo nella teglia sotto con cosce sopra (ooopppsssss non foto), mandarini (e qui sicuramente non serve foto giusto?), un pie con mele e confettura ciliege(post a parte perche mi sono cimentata nel primo tentativo PIE vero)....e caffè con tantissime chiacchiere risate e essere grata per tantissime cose