martedì 2 ottobre 2012

good intentions buone intenzioni

Now that I have a new pc under my desk which sort of makes me wonder why they call them DESKTOP computers, I have to admit life is simpler. I no longer have crashes which keep me from writing and writing and reading and reading even in FBook where crashes are normal every day happenings (from what I've heard from others). I no longer have to wait for the coffee to filter(forever when you want java right now) for the little green lights to finish filling their little rectangle...which means forever even when you already have your coffee after waiting for it to filter. But all my good intentions to put in blog fotos were destroyed when my little digital took a trip to Florence and remained there. Not that it won't come home but at the moment the person who should bring it home is in NEW YORK(that's another story) exhibiting her art whilst I await my not too artful fotos which are sitting somehwere in her apartment in Tuscany. At least one of us(her and the camera) are in wonderful places enjoying, her-bagels, my digital-life under the Tuscan sun...or rather life in Tuscany because if it is getting sun it means that someone else is using it. So for now I can only write and have good intentions about putting in fotos. If I'm not mistaken I was in this position whilst I waited for the new pc and I had already assured you, my faithful 25, or is it 30 now, fans who read my blog faithfully that the photos were up and coming. Sorry...hopefully it will reappear rested and ready to roll around half October....

Ormai sto lavorando su un nuovo DESKTOP computer anche se, come tutti i miei desktop questo è posizionato sotto la mia scrivania e considerando che sotto non è sopra continuo chiedermi come mai che li chiamano DESKTOP che vuol dire SOPRA. Ammetto però che sotto o sopra il nuovo pc mi ha semplificato la vita. Specialmente perche ormai non fa CRASH quando apro parecchi siti insieme. Ne fa CRASH quando entro in FBook e cerco di fare tante cose uno dopo l'altro...chissà perche ma FBook tende essere mono-neurone. Se cerchi di fare tante cose di corsa non ti sta dietro. Fa CRASH come se svenisse dopo un moto di emozione. Sicuramente essere il sito piu pettegola del mondo deve dare parecchio emozione ma mi farebbe piu piacere averlo sempre erto e pronto invece di leggere NON RISPONDE quando clicco qui e la. Un po come una persona che quando le parli non risponde e poi ti dice COSA? Rende piuttosto monodirezionale il discorso. Mi trovo tante volte con il mouse sotto mano che clicco di sinistra e FB che mi ignora completamente. Ecco cosa vuol dire solitudine. Milioni di persone la fuori che cliccano che leggono e che cercano di fare gli affari degli altri e tu rimani lì con il mouse sotto mano e FB morto di inedia. Comunque il problema di intenzioni buoni non era FB ne il pc nuovo anche se avevo promesso che con il pc nuovo avrei fatto parecchie cose. Una delle quale era postare foto foto foto. Impossibile perche anche con tutte le buone intenzioni se il tuo digitale ha fatto un viaggio senso unico a Firenze per motivi di lavoro di una persona cara a te e quella persona non torna qui fino a metà ottobre ti mette in posizione di non poter postare fotos. Quella persona tra altro non si trova neanche a Firenze dove potrei chiederla come sta la digitale. Si trova felicemente a NEW YORK CITY dove sta esponendo, ?, faccendo mostra con altri artisti, dei suoi quadri...e con questo con tutte le buoni intenzioni possibili sarebbe impossibile che la mia digitale torna a casa a ponente prima della metà di ottobre...in tempo per fare qualche lavoro di corsa qui dentro di foto e racconti.....

abbiate pazienza

3 commenti:

  1. Pazienza, Paula!

    Ce ne vuole tanta! Complimenti per il nuovo Desktop, che non è sopra, ma di fianco-sotto, altrimenti non si riuscirebbe a muovere le ginocchia!
    Auguri alla persona che espone a NY, e alla digitale che è tornata alla sua terra, vero?
    Speriamo dopo di vedere tante foto da NY e dal tuo giardino!

    Un abbraccio...dai miei occhi sempre più stanchi!!!

    RispondiElimina
  2. OHHHHH, CHE BELLO CHE NON SI DEVE PIU' INTERPRETARE QUELLE MISTERIOSE LETTERE CONTORTE DEL PEGNO DA PAGARE!!!
    GRAZIE!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao, Paula; ciao Ivana!

    In bocca al lupo per la mostra a New York City! Quando l'artista ritornera' a trovare la mamma, capiremo se il nuovo computer e' effettivamente piu' facile da gestire nella pubblicazione delle foto. Attendiamo fiduciosi.

    RispondiElimina