lunedì 26 aprile 2010

26 Aprile

che è di Lunedì quel giorno fattidico che segue invariabilmente Domenica il giorno che tutti dicono è del Signur dove uno/a dovrebbe riposare ecc. Mi trovo esausta e poco vogliosa di fare nulla per il grande caldo. Però come sempre ho trovato un articolo su Time Magazine che mi ha fatto riflettere...sembra che Stevens, 90enne vispissimo giudice della Suprema Corte degli USA sta andando in pensione dopo una lunghissima carriera portando la torcia della democrazia attraverso i meandri dei corridoi di quella Corte che è il non plus ultra di decisioni legali negli States. Il problema grossa adesso è di riempire il posto e logicamente il Presidente ha un bel gatto da pellare (scusatemi micini amati ma il detto è questo). Come farà il nostro (exmio veramente) Obama trovare un giudice degno/a di sedere su quella poltrona occupato tanto eggregiamente da Stevens! Sembra che di candidati ce ne sono e meno male. Ma non era questo che mi ha fatto riflettere. Era che dopo un articolo di due pagine con tanto di fotografia di Stevens con le gambe poggiate sulla scrivania con sopra due scarpe avente bisogno di suole nuove ecc ecc ecc...il giornalista di Time, dopo un intenso studio dei possibili candidati/e e le loro punti di forza, ha detto(LA TRADUZIONE è MIA):

SE LA SUA LUNGA CARRIERA SIGNIFICA UN PRINCIPIO, E' CHE IL GIUDIZIARIO INDIPENDENTE INIZIA CON GIUDICI VERAMENTE INDIPENDENTE!

mi sembra che questa frase andrebbe scritto in caratteri cubitali sopra la bilancia della dea della giustizia dove ce scritto: la legge è uguale per tutti (e io aggiungo 'ma per certi è piu uguale'). e daie che sono di nuovo cascata nel peccato di scrivere di politica! Scusatemi neh!






Nessun commento:

Posta un commento