lunedì 10 maggio 2010

10 Maggio

Lunedi arrivata con una certa urgenza perche il loro treno partiva alle 7:07 e c'era un generale fuggi fuggi da casa verso le 6:30 per poter prendere un caffe come si deve con i nostri fiorentini che partivano per casa dopo un fine settimana bellissima qui con noi. Logicamente il silenzio che hanno lasciato è tremendo e anche se M. Natura ha cercato di tenermi su di giri con un sole splendido sotto la quale ho potuto fare un po di giardinaggio e leggere tantissimo, la mancanza delle risate e le chiacchierate è sentito.

Però non era di questo che volevo discorrere oggi. Ho capito finalmente perche questo non è un food blog. Bella scoperta del acqua caldo. Avendo goduto per gli ultimi mesi tantissimi food blog di persone che fanno foto, mettono in bella mostra i piatti con tanto di tovaglie, stoviglie particolari, pentole da sballo, ricette da gourmet e poi avanti che piu metton piu ci sta...ho visto che non posso minimamente compettere con competenze fuori le mie capacità. E così per salvare la faccia non vi disturberò con ricette ne foto ne piatti, ne stoviglie, ne piu che metto piu che ci sta. Sono piu propensa a stordirvi a suon di tastiera. Non che sentite la mia mentre batto allegremente ma potete poi imaginarmi intenta a scrivere, postura eretta per non incorrere in quel attacco di cervicale che si nasconde sempre intorno al momento cruciale di posizione errata per fiondarmi adosso allegramente. Così non vi soprimerò con pentolame elegantemente messo in evidenza facendovi morire di invidia la mia fornitissima cucina (che non è perche per una malattia di non techno capacità rifiuto ricomprarmi la mia amata Robot della Kenwood che è andato vivere a Firenze con i nostri fiorentini 'o Ma che bello' e cosa fai? Lo mandi in borsa con loro nella città sul fiume). Non ha pianto poerino mentre lo stivavano dentro il borsone. Brutta bestia quasi se la godeva il trapiantamento perche alla fine chi non piacerebbe vivere LA'? E così pensa che ci ripensa ho preso un mini-trittatutto della stessa marca tanto per non dover pestare kili di basilico per farne il pesto che regolarmente va a vivere anche lui a Firenze. Tutto ciò che amo eventualmente si sposta in Toscana. Magari è una struttura cosmica che porta le cose verso l'Arno? Comunque rifiuto categoricamente di riempire la casa di 'caccavelle' technologiche anche se sbavo quando vedo i Ken, i KitchenAid e vario in brillanti colori che fanno le pose sui food blog che frequento tanto per lustrarmi gli occhi e lo stomaco. Mica che faccio le ricette come dicono loro.

Un po come la mia mania di comprare libri di ricette con tante foto. Le ricette le leggo, riaggiusto ingredienti, guardo con piacere le foto e poi faccio delle cose completamente diverse. Il signore che abita con me continua dire che non è possibile che se faccio una pizza non riesco mai a farlo nello stesso modo due volte. Ed è anche per questo che questo non è un food blog. Come si fa a presentare una foto di una cosa che fai sapendo che subito dopo averlo messo in rete, la volta dopo diventa un entità completamente diverso. Caso mai qualcuno avessi la voglia di chiedere delucidazioni probabilmente non riesci neanche a ricordare cosa hai messo dentro. E questo è l'altro ragione perche questo NON E' un food blog. Io le ricette che riescono 9 su 10 volte dimentico di scrivere subito cosa ce dentro e figurati se ce una foto. Probabilmente perche nella mia nontechnomondo rifiutai fino a ieri di comprarmi una macchina fotografica. Mica una di quelle formidabile che hanno i foodbloggers per bene. Ma uno di quelli che stanno nella palma della mano e che ti accompagnano ovunque. Però quando parto per quel paese del Ovest quest'autunno dovro rimediare perche ho scoperto che l'uomo non vive solo di pane (anche se qualcuno lo ha detto molto prima di me) e effettivamente ci sarebbero tante cose di fotografare per questo che NON E' un food blog.

E così dopo un tap tap tap sulla tastiera per oggi per spiegarvi come mai qui non troverai ricette raccomando subito di non alterarvi nei miei riguardi. Il mio mondo è fatto di parole, tante parole e il mio modo di esprimermi è tutta una ricetta.........quando non è un programma.

6 commenti:

  1. non è un food blog, ma un soul food blog siiiiiiii! e sinceramente è il cibo di cui spesso ci si dimentica, eppure se ne ha un bisogno grandissimo
    Grazie :-***

    RispondiElimina
  2. Benvenuta Fab! Speravo di verderti qui! Grazie delle belle parole e spero di farvi venire un indigestione di quel soul food di cui parli. P

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    Bella difesa...che appoggio!
    Neppure io ho grandi caccavelle da mostrare, e le mie ricette (non le chiamo così!) sono semplici modi di mangiare in casa mia, e mai uguali!
    Le parole sono il cibo che piace anche a me, e la mia macchina fotografica da due soldi è solo uno strumento per raccontare un primo piatto, come una gita fuori porta; niente di esotico, strabigliante, ma le "avventure" tranquille di una curiosa donna anziana!!!!

    Leggerti è davvero un piacere "gradevole, allegro e corroborante" come un pransetto in compagnia!!!!

    RispondiElimina
  4. Allora con il vostro permesso continuo?

    RispondiElimina
  5. Ehi sì, tanto per andare con piedi di piombo!

    RispondiElimina