martedì 24 agosto 2010

24 Agosto

Quella storia del cavolo capra e lupo che dovevano attraversare un fiume...chi lasciare con chi sulla riva, chi portare in barca...enigma difficile da risolvere....

Un po come il gioco del portare la spesa in casa quando ce un beaglcuda appostata al cancello, tartufo fremente, occhi lucidi e zampa lesta....

La spesa arriva di mattino presto subito dopo apertura del supermercato dove fortunatemente si riesce trovare di tutto di piu e si mette tutto nei sacchetti di stofa o iuta o altro in buon ordine. C'erano almeno 4 sacchi tutti belli pienotti, 2 fardelli di acqua, il pane, i formaggi ecc ecc....tutto a prova di bomba come ordinamento dentro i sacchi ma mica tanto a prova di beaglcuda...

Così prima si tira fuori dalla macchina i fardelli di acqua...sniffsniffsniffffffff....'nah!' disse la beaglcuda.
Poi escono i sacchi son detersivi...sniffsniffsniffffff....'nah!' disse la beaglcuda.
Poi sono usciti i sacchi con formaggio e lattughe...sniffsnifffff...'moh, mi sa che ce qualcosa ma..'
I poi ultimo sacchetto con dentro la carne salumi e vario proteico...sniffsniffffsniffffffffffff....'BONZAIIIIIII!!!!'

diciamo che ce stato un po di tafferullio intorno alle borse perche logicamente ultima borsa era dietro agli altri...poi c'è stato un po di corse intorno alle borse per vedere da dove arrivava quel profumo così leggiadro....poi ce stato un po di speranza nel fatto che se yours truly portava prima su i fardelli lasciando incustodito IL sacco ci potrebbe essere un premio inasspettato di carne e vario proteico...

però dopo tre anni di padronanza della storia della capra, il cavolo e il lupo yours truly aveva imparato che gli ultimi saranno i primi come nella storia evangelica delle persone. E IL sacco tesoro arriva in casa dove viene posato immediatemente in frigo (altra storia quando la beaglcuda ha rubato un bel pezzo di prosciutto perche IL sacco era sul tavolo invece di essere nella cassaforte freddo - [e mio genero, essendo divertente, ha detto 'strano che un beaglcuda che riesce aprire la porta di casa non ha ancora imparato aprire il frigo e yours truly con tantop di occhi spalancati a gufo ha guardato in giro pregando che la pelosa in questione non avesse sentito]...

Così un altra spesa è riuscito entrare in casa senza tanti indugi. La beaglcuda sta ancora cercando di capire come mai che nessuno le lascia una capra sulla riva e noi questa sera mangeremo un bel pie di stracchino e gorgonzola...e il salami dorme felice contenta al freddo!

3 commenti:

  1. Car P...

    Fino a quando ti andrà bene come oggi?
    Questi raccontini sono dei capolavori di ironia, cultura classica, umorismo..e la lingua è un capolavoro...che sembra quasi inventato!!!

    Complimenti P.!!!

    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  2. Ivana, ma la mia lingua madre, il paulese, è tutta mia. Non sono sicura che ci sia una sintassi ne una grammatica ma sicuramente faccio ridere!Me lo dicono tutti....Un caro abbraccio da Ponente! P

    RispondiElimina
  3. Bello questo rientro al lavoro e al PC!
    Mi mancava la tua perla di umorismo e saggezza.
    Baci Baci con un abbraccio speciale alla beaglecuda

    RispondiElimina