mercoledì 13 ottobre 2010

quasi sempre in Maine

in autunno escono i 'birdfeeders' ossi a tubi, casette, scatole, tondi, rettangoli con tanto di bucchini, posatoi, ballatoi ecc dove possono fare lauti pasti i vari volatili che popolano i cieli del Maine durante la stagione fredda quando manca il necessario per cibarsi di semi, frutti, insetti ecc. Nonche mancano insetti in Maine. Qui in estate ce ne sono di quelli che ti succhiano il sangue come sangue sughe - i blackflies, ma quello dovrebbe essere una storia a parte e non c'entra proprio nella saga dei birdfeeders di oggi.

I birdfeeders (nome delle persone che fanno questo ossia dare da mangiare agli uccelli e non solo lo strumento nella quale si mettono i cibi vari) hanno regole sotto la quale si devono sottostare - nei condo non possono essere messe sui terrazzi. Mica per gli uccelli ma per i scoiattoli, roditori imperteriti che saltando sugli birdfeeders (gli strumenti non le persone) tirano giu' tutto o peggio trovano magari un filo elettrico da sbaffare come dessert mentre perlustrano i passaggi verso lo strumento pieno di semi. Poi ci sono problemi di escrementi. Come sanno le persone che girano nelle citta' del Belpaese gli escrementi degli uccelli sono caustici - avete mai visto la carozzeria di una macchina dopo il passaggio di un stormo di stornelli? Stessa storia per il legno dei terrazzi (o decks) di Maine. Un disastro dopo passaggio anche solo dei piccoli uccellini tipo teste nere. E poi i scarti dei semi che vanno da per tutto e se abiti al secondo piano e il tuo deck e' sopra quello del inquilino di sotto...avrete capito.

Pero' cosa piu affascinante di tutto questo sono i prodotti che mettono in questi birdfeeders(sempre gli strumenti non le persone)...ci sono pacchetti pacconi di semi, insettini, vermetti secchi. Gli 'mericani prendono sul serio il loro dovere flora faunistica e spendono gran soldi per avere almeno 3 tipi di cibo per i volatili in questione. Ci sono anche dei cubi di roba fatto con 'suet' ossia grasso dei reni di animali, solitamente maiale, nella quale viene messo cibaria per volatili che consumano semi, frutti ecc. Questi vengono appesi, in piccole gabbie di ferro plasticficato, ai pali dove mettono anche gli altri birdfeeders pieni di semi sfusi ecc ad altezza che lo scoiattolo non puo' arrivarci neanche il piu pavido rubatore di semini.

E poi ci sono i tetti antiscoiattolo...considerando che in Maine durante inverno se piove, piove bianco freddo e tanto, i tetti di mettalo o altro sopra i birdfeeders e suet cages sono esclusivamente per tenere lontano i scoiattoli che tendono saltare giu dagli alberi dicono per poter mangiare i semi. Io da quando sono qui ho sempre visto i scoiattoli salire i pali di legno conficati nel terreno per poi aggrapparsi al birdfeeder o suet cage per mangiarsi una bella bocconata e poi scivolare giu per il pallo per poi scappare allegremente nella foresta piu vicino per nascondere il bottino. Ma si vede che quelli di Maine continuano voler credere che i scoiattoli volano giu dagli alberi...

Io invece credo che e' un felice convivenza tra volatili e scoiattoli che condividono i pasti alla faccia di tutti gli esseri umani qui faccendoli contenti di poter aiutare il mondo faunistico nel unico modo loro possibile - birdfeeders e suet cages...

se a qualcuno interessa potrei trovarvi una ricetta per il suet con semi - una volta si faceva in casa!

1 commento:

  1. Ciao P!

    Io vedo gli uccelli migratori che fanno sosta sui tralicci della corrente elettrica, che purtroppo fanno parte del panorama dalla mia finestra!
    Avevo un alberello davanti alla cucina, anni fa, e la merla vi aveva fatto il nido e anche la covata... siamo stati fuori molte ore e il nostro cane era in casa...così la Briciola, la micia dei vicini ha fatto la strage delle uova!
    Ora ho un nido nel carpino dietro casa, ma non so che uccelli vi abitano...qui attorno ci sono le bacche della pyracantha e se ne cibano tutto l'inverno, io metto del cibo nel prato, o sulla neve per vederli arrivare a cibarsi!!!

    Grazie per questi racconti naturalistici!!!

    Un abbraccio e...

    Buon ritorno!!!!

    RispondiElimina