domenica 14 novembre 2010

Once upon a Time c'era




Una stufa di ghisa non smaltata che faceva molto caldo in cucina durante i mesi invernali ma divorava una quantità industriale di legna a ogni ora della giornata e così vive sul portico facendo da porta vaso per una pianta enorme di cactus strisciante che fa ogni primavera un tappetto di fiori arancione. Oramai in cucina c'è una stufa nuova di ferro nero piastrellata sui fianchi, molta bella e fine che mangia la legna come una signorina mangerebbe dei pasticcini in un bar storico, non fa fumo da nessuna parte, almeno fino ad inverno scorso quando per qualche motivo tutto da scoprire chissà quando ha fatto un ruttino niente male con un ritorno di fiamma che ha preso tutto il camino, tutto il fumaiolo e ha tappato il fuoriuscita dei fumi per benino. Così che oggi, durante una bellissima giornata di S. Martino(ora che abbiamo finito ovviamente perche questa mattina a guardare fuori sembrava la Pianura Padana ed io che continuo sollecitare gli amici della Grande Gianduia di spostare la loro città un po piu vicino a Ponente ho fatto salti di gioia[non esageriamo perche sembrava di guardare fuori dal di dentro un bicchiere di latte] pensando che loro con una stregoneria particolare erano riusciti nel intento).

Dicevo, io e il M, prode lavoratore capace di fare tutto ma entro i tempi voluti da lui(è tutto estate che aspettavo che arrivasse giorno PS -per pulire stuffa) si è bardato di vestiti vecchi, cappello a conca e un scovlino inventato da lui per lavori di sturatura tubi camino si è messo a grattare, battere, richiedere attrezzi particolare(zappetta per battere giù i pezzi piu duri) ecc che finalmente dopo un oretta e mezzo la cucina è pulita, la stufa è apposto, abbiamo mangiato pranzo e sono qui da voi dopo aver lavato due carichi in lavatrice per assicurare che la cenere, i pezzetti di roba nera e fulliggine rimangono fuori casa. Fortunatemente fa abbastanza calda per l'estate di S. Martino che non dobbiamo fare la prova del 9 - ACCENSIONE stufa. Ho dei dubbi sulla tenuta fumo dei tubi vecchi ma M insiste nel dire che vanno bene. Saprà ma continuo imperterita la mia indecisione sul fumo...odio il fumo che fuoriesce dai tubi della stufa riempendoci la cucina, sala e corridoio di roba grigio perla oleosa. Direte che dovrei avere piu fiducia nel mio direttore di macchina in pensione ma vedremo in seguito il seguito. Nel mentre vi faccio vedere queste foto che ho notato ha volato immediatemente nel solito angolino a destra in cima alla poste. Quella lezione per usare meglio il blog mi sembra obbligatorio ormai! Allora preparatevi per le altre due foto che salteranno anche loro in cima alla poste! Pronti - VIA! Avevo ragione! Si è accocolato vicino al altro....

E toh, che la Mousey ha voluto essere messo in primis proprio davanti a tutti. Logicamente è lei che ha fatto il lavoro di pulizie più forte ed è per questo che è scoppiata. Dovuto toglierle gli interni per pulire tutto. La fuliggine come sapete va dappertutto. Ma quanti p ci sono? Vabbè, quella roba nera che sembra carbone è infatti quello che era stivato nel camino bloccando il passaggio dei fumi a rischio che inverno scorso noi fossimo soffocati da quei fumi nocivi che vengono sempre a controllare quando puliscono la caldaia a gas che per motivi di sicurezza devono essere tenuti fuori casa. La signorina vestita di piastrelle bianche è a destra del carbone facendo bella mostra delle sue decorazioni. Ormai siamo al punto di poterla scaldare al dovere se M aspetta almeno che faccia freddo. Pensate, in casa qui a Ponente, senza riscaldamente del caso siamo ancora a 17°.

E così la giornata di Domenica è passata tendoci dolce compagnia sotto una pioggia di carbone e cenere...e poi dicono che l'amore ad una certa età non è fuocoso!




3 commenti:

  1. Cara Paula...
    solo adesso, che devo andare a dormire riesco a leggere, gli amici!
    Bell'avventura con la vostra Signorina, anche a me piacerebbe una stufa come le vostre, ma in villetta non abbiamo la canna fumaria, e il G. non vuole fare fare lavori extra nella casa...lui è senza entusiasmo per il nuovo!!!
    Per le foto...devi forse aspettare un attimo per ogni foto, e tenere il puntatore sempre dopo la riga del testo!

    Un abbraccio...a domani!!!
    (Sono ancora ubriaca con le 150 foto di Firenze!)

    RispondiElimina
  2. bella la tua stufa, ma che lavoraccio vi siete apprestati a fare e di domenica!
    Giovani, energici e focosi entrambi.
    Per il posizionamento delle foto se attendi compare subito sotto la foto una scelta di opzioni per la dimensione, la posizione e l'inserimento della didascalia. E poi decidi. Ieri abbiamo passato una bella giornata tranquilla alla festa di San Martino, la nebbia oggi era davvero fitta, non si vedeva oltre il balcone. Però è novembre e quindi è normale.

    RispondiElimina
  3. Ivana, non ho mica capito niente del puntatore. Quando io scelgo foto mi spara subito un 'scegliere' che poi mi apre il file dove sono le foto...penso che aspetterò un demo da Dede quando sono a Torino a Dicembre. 150 foto sono da ubriacatura senz'altro. Ma imagino che prima o poi le vedremo sul tuo blog! Un abbraccio da ponente, P

    Fab, una giornata di domenica normale per noi. Tanto lavoro. Come ho detto a Ivana, aspetterò la lezione quando sono a Torino. Ho provato di tutto ma non riesco ad inserirle dove voglio ne come...la mia diversamente abilità tecno. AHAHAH! Un abbraccio da ponente..dove la nebbia non è fitta come da te ma il Med è colorato di grigio perla...

    RispondiElimina