sabato 20 novembre 2010

Once upon a Time c'era

Thanksgiving(Giorno di Ringraziamento - quello che dava GRAZIE perche gli indiani che gli 'mericani dopo annientarano gli avevano salvati dalla fame perche loro[gli 'mericani, non conoscevano un tacchino da un albero])! Che era ultimo Thursday (Giovedi) del mese di November(re) e ogni anno la casa si riempiva di persone felicissime di aiutarvi far fuori un tacchino mega, a mo di CONDOR degli Andes, che stava comodamente nel forno 'mericano perche come sappiamo benissimo tutto quello che cè negli States è mega...dai tacchini ai forni. Chissà se hanno inventato i forni grossi proprio perche celebravano Thanksgiving. In ogni modo, la festa coinvolgeva parenti, amici ecc che venivano carichi di doni alimentari da aggiungere alla già grande quantità che la famiglia ospitante aveva preparata. Si mangiava sempre dopo le 13 e poi nel estasi del dopo pranzo, molto dopo c'erano le partite di football(almeno che non mi confondo con un altra festa xk ormai sono anni che sono emigrata nel Belpaese).

E così nei tempi che furono i tacchini erano enormi e Thanksgiving era una mega festa. Mica che sia cambiata qualcosa, se non le dimensioni del uccellaccio che viene cotto perche ovviamente nei forni del Belpaese, almeno che non avete un forno mega esterno a legna come una mia amica[che tra altra è ospite della festa e ha 'offerta il suo forno caso mai la 'creaturaccia' non ci stia nel tuo']. Ma fortunatemente dopo tanti anni di ricerche penose per la bestia perfetta, l'uccello minimo con massimo resa per il forno piccolo helper della mamma(il mio forno voglio dire) sono riuscito trovare dal mio spacciatore al ingrosso di carni una tachinella[femmina del suddetto razza di volatile in questione] che ci fa proprio il nostro caso. Premetto che per due anni compravo le tacchinelle per Natale perche è verso quella stagione che ci sono questi mini tacchini, carini, quasi giocatoli che riempivo a mo di Thanksgiving però per la festa Dicembrina. Ovviamente anche chiedendo in largo anticipo le tachinelle da noi a Ponente non arrivano mai prima della prima settimana di Dicembre. Vi pareva giusto no, che dovevo rimpiazzare il mio natiò volatile con ogni sorte di creatura allata. Un anno ho usato due enorme polli da 2.5kg uno raccomandoli di ricordare che erano tacchini mini se qualcuno osava chiederli. In fatti come gusto erano squisiti ma proprio mancava quel non so di che quando mettevo in bocca un morso con la salsa cranberry(che per chi vuol veramente farne cultura NON è mirtillo rosso che è un frutto totalmente diverso).

Dicevo, la tachinella in questione quest'anno è stato ordinato la settimana scorso e peserà sulle 6 kili che mi rende felicissima. Avendo guardato bene l'altezza del volatile al sterno mentre mentalmente prendevo misure ottici per infilarlo nel forno, il maccellaio mi ha detto che volendo potevo averla 'dissossata'. Vedevo la scena della mia tacchinella che arrivava a casa piatta come un 'road kill', quei animali sfortunati che vengono stirati da macchine e camion sulle strade. Cercavo di immaginare come facevo tenere dritto un sacco di pelle e carne di 6 kili(mettiamo 5 se è senza ossa) mentre cercavo di riempirlo. Magari dovevo inventarmi un posatoio dove potrei appenderla mentre infilo dalle parti di sopra il ripieno...e poi girarla per infilare nella parte posteriore la quantità addebita per quel lattitudine. Comunque a occhio croce se tutto vada bene penso che la signorina nel forno piccolo helper della mamma.

E così dopo tanti dubbi, tante ricerche, tanti pensieri, la parte principale del pasto del Thanksgiving è stata trovata. Adesso devo capire cosa fare con 6 kili di tacchinella che era pianificato per 20 persone quando, con le rinunce al pasto festivo, siamo ridotti solo a 11...la risposta facile è che dirò alle mie Fiorentini(figlia e genero) di portare sù borsa termo con ghiaccioli che possono riportare giù avanzi. Solitamente sono felice di cooperare. Se no, mi toccherà mangiare tacchinella tenuta nel congelo per almeno 6 mesi perche il mio consorte, M non ama molto quel tipo di volatile. O potrei tenermela fino a Natale e usarla come un avanzo chic...si sa mai nella vita che un avanzo chic servisse per un pasto Natalizio. Turkey Pie, Turkey Chili, Turkey....va te la pesca. Ci sono libri interi scritti sulle elaborazioni di tacchino avanzato dopo Thanksgiving. Per forza....con tacchini che pesano come condor potete imaginare cosa ti rimane. E così felicemente vi scrivo il mio di menù per la festa del Thanksgiving...

E tante grazie!

Antipasti di verdure marinate di due tipi(da decidere prossimamente quando vedo cosa riesco trovare nel orto e nel mercato)

Lasagne fatte dalla nostra cugina che ne tira una sfoglia a velo(altro che Giovanni) con dentro una besciamella cremosa e ragù...da leccarvi i baffi

LEI, la tacchinella fatta con i crismi che vuol dire arrosto per almeno 4 ore nel forno a bassa temperatura con dentro un ripieno di farina di mais cotta a polenta con dentro tantissime verdure da soffritto e erbe aromatiche e BURRRRRROOOOO! Mica che ci guardo il colesterolo oggi.
Insalate di un paio di tipi.

Frutta fresca e secca...

E poi i PIES: Mousse di Zucca(sembra qualcosa di Harry Potter) visto su un blog che adoro che si chiama Pioneer Woman(lei la chiama Pumpkin Chiffon Pie - più fine - che spiega perche lei sta facendo un sacco di soldi con un libro di cucina e apparizioni in TV mentre io ho un fedelissimo gruppo di 11 persone che mi leggono amorevolmente - scommetto che sono piu rilassata e felice io però)

E magari un qualcosa con cioccolato tipo tiramisù che fa quella mia amica con il forno mega a legna

E forse riesco convincermi di fare dei CAKE POPS a forma di zucca. Ho gia ordinato il fondant. I colori ce lo già e se riesco a scavare un attimo tra il raccogliere le olive, mettere in ordine la casa, fare infermiera al cane malata, far da mangiare da tutti i giorni, lavare e mettere via stese di roba...chissà che non riesco a tirarne fuori una 20tina di questi pops a forma di zucca con tanto di rivestimento di fondant arancio ecc...ovviamente ricorderò le foto! Sotto il link di dove li ho visti questo tipo di torte...
http://www.bakerella.com/category/pops-bites/cake-pops/

E a finire...se ne andranno a casa tutti contenti e felici - spero.

Garantisce la Regina degli avanzi che lavorerà dopo la festa però!

3 commenti:

  1. Ciao Paula!!!
    Io mi chiedo, invece, se gli ospiti che vanno a festeggiare a casa da altri, preparano il tacchino, o fanno a turno, un anno io, un anno tu???!!!
    Qui si mangia il tacchino, ma io faccio gli ossibuchi, gli involtini, le scaloppine, ma intero non l'ho mai fatto...aspetto di vedere il tuo...mi interessa il ripieno, pensavo sempre a salsiccia, castagne, mica sapevo della polenta!
    Ho guardato qualche volta anch'io la guru che guadagna tanti soldi con i libri...ma in genere amo i blog e i siti tranquilli, senza pubblicità e trucchetti per incamerare sempre di più!!!
    Poi vado a vedere da bakerella, che mi piace molto!
    Sai che noi domani abbiamo il Giorno del Ringraziamento per i prodotti della campagna, ci sarà la messa di Ringraziamento, poi il mercato dei contadini, spero che non piova...voglio andare a vedere anch'io!!!
    Poi voglio vedere le foto del tuo Thanksgiving Day!!!

    Buona serata e una grattatina alla pelosa malata!!!

    RispondiElimina
  2. Happy thanksgiving!
    Menù eccezionale, peccato non essere a Ponente ma troppo a Levante per esserci.
    Mi piace ciò che hai detto della tua mousse di zucca, forse è vero che la Pioneer Woman sta facendo tanti soldi con libri e foto, ma il suo blog è la sua professione ;-)
    Avrai pure 11 lettori, ma fedelissimi e se la signora di cui sopra ha il suo Marloboro Man tu hai sempre M ;-)
    Buona domenica.
    Piovosa e grigia, vado a farmela passare.
    Baci Baci

    RispondiElimina
  3. Certo è che Piccola dovrà lavorare un po di piu durante prep per Thanksgiving e anche durante cottura e vario. Speriamo che riusciamo rendere giustizia alla festa e al lavoro. Ivana, il tacchino intero non è un lavoro tanto difficile. Il piu è condirlo con erbe sale e vario, ungerlo per bene con BURRO(qui siamo nella ricetta dei tradizionalisti) e riempire con polenta condita. Per ogni Stato cè un tipo di stuffing. Pensa, nel Boston in tempi che furono mettevono ostriche nel ripieno fatto di pane e vario. A me fanno venire i brividi...Fab, hai ragione il mio omo è solo con un M ma sempre col MAIUSCOLO. Vuol dire tanto. Di professione non vorrei fare bloghista. Un abbraccio da ponente dove piove sempre e i coccodrili stanno scappando dalle paludi sotto le ulivi! P

    RispondiElimina