giovedì 9 giugno 2011

Buttata e ritrovata - dumped and recycled


Every morning since I have been living in the Tallahassee part of the boot-shaped peninsula I spoil myself with a coffee and a read of the 'free' newspaper which every bar in the country seems to furnish its clients. On the street where this particular bar is situated there are several garbage bins which invariably have tons of really neat recyclable stuff piled around them. This wonderful ex beauty supply shelving with jeep style wheels was just sitting by the bins awaiting my arrival. Took some careful thinking about which seats to fold down and which to move forward. Opened the hatch, started pushing the blue shelved beauty towards the car and realised that it was going to be a job to get it into the car without scratching the paint. Blue looks good on white but I had this terrible feeling that Hub would not be too enthused by the combo. So as I was thinking about the how I noticed the owner of the beauty supply store(who by the way had thrown out the shelving) walking towards me. 'yesterday I saw two women who were trying to get the blue shelving into a Panda(smaller car than mine) so I decided to come and give you a hand'. Glad he didn't have that philanthropic vein pulsing yesterday. 'Thanks' I said and we got it into the car. 'By the way, if you want I'll probably have a couple of YELLOW ones at the end of the summer' he continued. 'Fantastic, could really use them' I said. We agreed that he would keep them for me. Seems that the store constantly has new ones arriving so he really doesn't know where to put the old ones. Glad to be of service when I can help. Especially when I can find metal shelving with huge wheels. At this point the car was packed, it was time for coffee and a newspaper...



Chissà perche mi innamoro spesso di cose di questo genere che vengono scaraventato fuori dai negozi vicino ai bidoni della spazzatura perche la stagione delle creme solari è finita(in questo caso proprio così), o fosse finito le shampoo particolari delle farmacie, o fosse ancora dismesso per mancanza di spazio perche nel mentre erano arrivati altri di colori diversi. Questa meraviglia di mensolato con ruote da fuoristrada era vicino ai cassonetti vicino al bar dove vado a farmi una colazione al italiana ogni mattino...mentre arrivo al bar vedo il blue calcolando già se devo mettere giù entrambi i sedili posteriori o fosse ci stia con solo uno giù e magari anche scivolando in avanti quello anteriore...quanti pensieri mentre fermo Agila, apro sportellone e considero le possibilità. Nel mentre succede tutto questo vedo il padrone del negozio in questione che arriva dalla mia macchina. Oddio che sia già prenotato il blue mensolato. No, guarda un po è venuto a darmi man forte nel infilarlo in macchina perche 'ieri, signora ho visto due donne che cercavano con tutte le loro forza metterlo dentro una Panda..' Così oggi ho deciso di aiutarla. 'Gentile' rispondo io...'ma signora già che ci siamo le serverebbe anche qualcuno giallo?' mi ribatte il signore. 'CERTO' dico io. 'E allora aspetta i tempi che maturano e sicuramente fine estate avrò un paio di sistemare'. Felicemente vado a farmi colazione al bar con il blue mensolato sistemato in macchina. Ora il blue mensolato abita in mansarda aspettando la mano della nostra fiorentina che senz'altro troverà cose da sistemare sopra...e pensa che questo blue è uno dei suoi colori preferiti.

5 commenti:

  1. Wow, Paula!!!
    Penso che Lois sarebbe la lettrice giusta per il tuo blog...avete , quasi, lo stesso spirito, su livelli ed esperienze diversi, ma simpatici, ironici!!!
    Ma perché ci innamoriamo delle cose, le più abbandonate? O un colore?
    Sì, Noel ha proprio l'azzurro nell'anima!!!

    Mi sa pure, cara Paula...che siamo un pochino strane, io e tu...che ne dici?
    Un abbraccio dal Levante bizzarro, acqua e sole, sole e acqua....asciuga quello che è bagnato!!!!

    RispondiElimina
  2. E se ti chiedessi timidamente di dare il mio blog a Lois? La leggo sempre da te! Cosa dici?
    Ma Ivana, non siamo noi che siamo un pochino strane...sono gli altri! un abbraccio dal ponente che dopo un acquazzone da diluvio universale ce un sole che ha asciugato tutto, P

    RispondiElimina
  3. Paula, glielo avevo accennato, ma forse, essendo scritto in italiano e con google mica è tanto facile avere una buona traduzione, ti avrà visitato di sfuggita!
    Puoi leggerla nei suoi blogs, anche nelle ricette, e le scrivi due righe di commento, solo se ti senti in empatia con lei, naturalmente!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Mio suocero era così...era capace di trovare sempre qualcosa di meraviglioso tra quello che gli altri abbandonavano tra i bidoni della spazzatura, aveva occhio e tanta manualità, era capace di aggiustare e creare...poi ha dovuto smettere.
    Io prenderei solo schifezze, mi manca l'occhio per capire la cosa giusta. Però ho occhio per i colori, quell'azzurro è stupendo davvero!
    Ho letto tutti i vari posts, anche se non commento spesso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ivana, buon idea. Già dato un occhiata e quando ho un attimo darò un vista come meritano i suoi scritti.

    Fab - Non vedo ora di poter prendere quelli gialli!

    RispondiElimina