mercoledì 15 settembre 2010

Fuori porto per la salute

non che fosse andata in un restort ne in un posto meravigliosa dove fanno massaggi ecc ma anche un giro fino al Levante per una visita occulistica (OCT per chi vuol proprio sapere) può essere un momento di relax e una mini-vacanza. Questo posticino nel Levante è una meraviglia perche il treno arriva versante mare e fai una passeggiata di 1km verso montagna per arrivare al ospedale.

Invariabilmente faccio la passeggiata nel centro sotto i portici dove, dopo circa 50 passi trovo una pasticceria bar che fa un caffe esplosivo con dei brioche burrose e tenere che meritano veramente. Poi cosa vuoi, la sveglia alle 5, la corsa al treno che parte verso le 5:35, l'arrivo alle 8 senza aver preso neanche 1 caffe che è uno ti fa sembrare anche il caffe meno esplosivo una tazzina di ambrosio. Però questo caffe è veramente buonissimo e la brioche pure. Sono le mini cose che fanno piacere nella vita e questo 1/4 di ora davanti ad un bancone dove puoi riempirti gli occhi di favolose paste, torte e vario mentre bevi un cappuccino (questa volta mi sono proprio viziata) mentre godi anche tutto quel burro (a diavolo i fianchi dicevo tra me e me, tanto ce un km in salita da affrontare) mi sembra il minimo che una può fare quando si deve puoi sottomettersi ad un OCT.

Poi cammina cammina in piano fino ad una piazza tutta alberata con tanto di panchine e gente che iniziano a muoversi, un mercatino di verdure e frutta che comincia funzionare, giornali che vengono aperti da persone che occhi ancora assonnati. Cammina cammina verso l'inizio della salita di 1km godendo il freschetto che ce sempre al mattino presto in questa stagione e vedi un tabacchino aperto. Toh, facciamo un grata e vinci (che solitamente sono grata e perdi, almeno per me) e entro dentro con il mio eurino pronto. Il signore mi da un bigliettino con frutti sopra, gratta gratta e VOILA' vinco anche 10 Euri. Ma guarda un po come ha iniziato bene la mia giornata! Non solo un cappuccino con caffe esplosivo, una brioche burroso, ma pure 10Euri guadagnati dallo Stato. Questo sì mi rende tutto leggero e felice.

Però ora devo iniziare la salita e cammina cammina in su sempre piu in su salutando le persone che camminando camminando scendono in giu...si vede che a quest'ora le salite sono proibiti se non devi andare al ospedale...e trovo un panificio che profuma di pane appena tirato fuori dal forno. No, non entro, annuso. Poi un negozio di libri che per mia fortuna alle 8 era chiuso. Poi su sempre piu su camminando...guardando a destra e manca...

BOOOOOM....una formica mi fa lo sgambetto ridendo come un matto guardandomi fare un capitombolo sul marciapiede con anca sinistra e un assaggio del muro di pietre ruvide con la mano destra (ovviamente cercavo di aggrappare qualcosa per attutire la caduta)...e un signore tipo barbone che fumava una sigaretta che mi chieda 'embè?' ed io 'no, tutto ok!' mentre mi tiravo su fisicamente mentre il mio orgoglio ferito piombava sotto la strada. Sono sempre previdente però perche in borsa ho sempre fazzoletti di carta e con questo ho tolto il sangue che gocciolava dai buchetti causati dalle pietre pensando che al ospedale, anche se fosse in occulistica, un po di disinfettante me lo potevano dare e così fu.

Comunque il resto della passeggiata non so cosa ho visto se non il pavimento del marciapiede e la strada mentre andavo sempre piu in su (chi sa perche?). Però mi sono fermata nel solito posto dove edifici e cancelli e muri lasciano un ampio spazio verso Levante e si vedono i castelli e forti sopra la città di Genova (tanto per darvi un idea del Levante mio) e questo mi ha tirato su i spiriti. Dopotutto una vacanza per piccola e corta che sia deve avere un po di sightseeing and non solo pavimenti e marciapiedi e strade viste per salvaguardare anche e mani...

Il resto della mia mini vacanza era in ospedale dove ho fatto OCT e percio poco interessante...però vi dirò una cosa...la vita è sempre bella anche nelle circostanze piu brutte, anche nei momenti piu bizzarre, anche quando non pensi che potrebbe esserla...

e per questo sono felice che oggi ero fuori porto per la salute....

anche del anima....

almeno lei sta meglio della mia mano (destra) e della mia anca...

1 commento:

  1. uffaaaaa, non ho cliccato come si deve ed è sparito il commento...la formica dispettosa che ti ha fatto lo sgambetto mi ha distratto dai tasti!
    Però, Paula, che mi combini? scusami sai, ma io son diventata sensibilissima all'argomento "cadute" .
    però hai ragione da vendere, la vita è sempre bella anche nei momenti più bizzarri e più brutti. Un bel panorama, un buonissimo caffè, una profumata brioche, un fantastico libro, il pensiero di un amico, la coccola di un bambino sono preziosissimi e siamo fortunati ad averli...come dice la pubblicità non hanno prezzo! che sia una formica dispettosa o una bestia nera a farci cadere, il tutto dura un attimo...c'è sempre una mano d'amore a tirarci su.
    Un abbraccio da questo levante :-***

    RispondiElimina